Le origini dell’alchermes

Le origini dell’alchermes

Le origini

E’ un liquore unico, caratterizzato dal gusto caldo e piccante.

Le origini dell’alchermes risalgono al XV secolo e all’epoca era definito come “elisir della lunga vita”. Questo liquore era usanza sorseggiarlo ai banchetti, in particolare era molto amato dalla famiglia de’ Medici. Fu proprio Caterina, dopo aver sposato Enrico II di Orléans, a contribuire all’usanza dell’alchermes in Francia, in cui veniva riconosciuto come “Liquore de’ Medici”.

Arrivò in Italia con una ricetta di origine araba, precisamente in Toscana, proveniente dalla Spagna. In Sicilia era usanza e leggenda utilizzarlo contro “i vermi da spavento”; ovvero dando un cucchiaio della bevanda al bambino impaurito per cacciare via gli incubi notturni.

La gradazione alcolica di media è 21-32%.

Etimologia dell’alchermes

L’alchermes è quindi conociuto come un prodotto casalingo usato principalmente per i dolci, può anche essere chiamato “alkermes” (si preferisce la prima versione perchè più domestica).

In passato questa bevanda venne anche chiamata Archemisi, dal termine “cremisi” che sta a indicare una tonalità di rosso. Dall’Araboquirmiz” che significa scarlatto e “al-qirmiz” cocciniglia. In Spagna veniva chiamato “alquermes” a indicare la cocconiglia appunto.

Cos’è la cocciniglia? Il colorante

La cocciniglia è un parassita, un piccolo verme infestante e dannoso alle piante, da cui si ricava il colorante rosso. Appartiene alla famiglia della coccoidea e li caratterizza poter produrre l’acido carminico, fluido denso rosso scuro, che sfruttano per crearsi una barriera contro i predatori.

Per estrarre il colorante è necessario ottenere prima la polvere, macinando gli insetti, e poi trattare il composto con acqua calda.

La ricetta originale

La ricetta originale contiene alcol, zucchero, acqua, cocciniglia, scorza di arancia, acqua di rose e spezie varie come la cannella, chiodi di garofano, vaniglia, cardamomo e fiori di anice.

Nel 1743 Fra’ Cosimo Bucelli, ex direttore dell’Officina di Santa Maria Novella, fu il primo a trascrivere la ricetta dell’alchermes prodotto tutt’oggi a Firenze. Viene spesso utilizzato come ingrediente per dolci o come liquore da dessert. E’ riconosciuto come prodotto tradizionale della regione Toscana.

Con i progressi in ambito industriale, e le grandi produzioni, l’originalità di alcuni prodotti fra cui l’alchermes si sta perdendo. A differenza della ricetta originale che prevede l’uso della cocciniglia, nelle industrie vengono utilizzate soluzioni idroalcoliche aromatizzate e coloranti.

Alchermes – Certosa di Firenze

In Italia si utilizza particolarmente per la produzione delle peschette o pesche dolci e nella zuppa inglese.

Noi siamo fra i pochi store online a vendere l’alchermes della Certosa di Firenze

Gradazione alcolica dell’alchermes – certosa di Firenze: 21% Vol.

I commenti sono chiusi.
Cancel

Necessari

I cookie necessari sono i cookie tecnici cioè quelli il cui utilizzo non richiede il consenso dell’utente.

Questi cookie sono essenziali per consentire di navigare in un sito web e utilizzarne tutte le funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, un sito web non potrebbe fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere. Un cookie di questo tipo viene inoltre utilizzato per memorizzare la decisione di un utente sull’utilizzo di cookie sul sito web.

I cookie tecnici sono essenziali e non possono essere disabilitati utilizzando questa funzionalità.
In generale comunque i cookie possono essere disattivati completamente nel proprio browser in qualsiasi istante.

Chiudi

Cancel

Statistiche

I cookie statistici vengono utilizzati per monitorare le performances del sito, per esempio per conoscere il numero di pagine visitate o il numero di utenti che hanno visualizzato una determinata sezione.

I cookie statistici utilizzati dal nostro sito si avvalgono di servizio di Google Analytics.

L’analisi di questi cookie genera dati statistici anonimi e aggregati senza riferimento alcuno all’identità dei navigatori del sito. Sono utili anche per valutare eventuali modifiche e miglioramenti da apportare al sito stesso.

Chiudi

Cancel

Targeting

I cookie di targeting sono cookie impostati da terze parti come YouTube, Facebook, Twitter.

Questi cookie tengono traccia del tuo comportamento come la riproduzione di video o quali tweet hai già visualizzato.

Se non viene dato il consenso a questi cookie, non sarà possibile guardare i video su questo sito web o utilizzare la funzionalità di condivisione sui social.

Questi cookie possono essere utilizzati dal fornitore di cookie per creare un profilo dei tuoi interessi e mostrarti pubblicità pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma si basano sull'identificazione univoca del browser e del dispositivo Internet.

Chiudi