BIRRA – Cos’è lo stile imperial stout?

BIRRA – Cos’è lo stile imperial stout?

Imperial Stout, scusi ne avete?. Se vi trovate in un purchessia pub, birreria o locale probabilmente non sapranno di cosa state parlando.
Purtroppo la cultura brassicola italiana è stata cancellata da un secolo di improduttività brassicola e di dominio monopolistico del vino, ma ultimamente l’Italia si sta rifacendo diventando in poco tempo la prima in Europa per microbirrifici!!!
Devo però dire che c’è comunque un po’ di confusione sul termine in quanto Stout è “sinonimo” o meglio è stato per tempo un aggettivo rafforzativo dello stile Porter per indicare una birra ancora più strong, alcolica e scura.

Dove nasce lo stile imperial stout?

Se parliamo di imperial stout facciamo ancora più confusione perchè è il nome che si attribuì alla porter stout solo in seguito alle relazioni nate tra la corte Russa e l’Inghilterra nel XIX secolo. In effetti gli scambi commerciali tra l’Inghilterra e la Russia si intensificarono nel secolo XVII grazie anche ai lavori di efficientamento dei canali e dei porti inglesi che portarono poi a conoscere la flotta inglese commerciale in tutto il mondo come la più potente e organizzata. Dicevamo gli scambi con i paesi baltici si intensificarono. Pare che dalla Russia venissero importate le doghe per realizzare le botti dove poter conservare la birra, in quanto dalla Russia provenivano delle essenze di quercia che non avevano nodi e quindi adatte a creare grandi botti dove conservare liquidi.

Le navi partivano dunque cariche di prodotti inglesi tra cui la birra porter, birra scura ad alta gradazione alcoolica adatta ad attraversare la rigidità del mar Baltico ed evitare il congelamento. Porter significa facchino, riferendosi ai facchini dei porti inglesi che preferivano bere questa birra. Anche i russi andavano ghiotti per questo genere di birra scura e alcoolica e probabilmente tra quelle che arrivavano a destinazione preferivano le più scure e le più alcooliche. Fu così aggiunto l’aggettivo Stout, e così diventò Porter Stout per indicare le birre più strong.

Caterina II e le imperial stout

Fu così che durante il regno di Caterina II ghiottissima di questo genere di birra, dal 1762 al 1796, la corte Russa si rifornì di birra Porter Stout dall’Inghilterra, in particolare dal birrificio Anchor Brewery a Southwark, che divenne il più grande birrificio al mondo. Da questo momento le Porter Stout divennero Imperial Stout o Russian Imperial Stout.

Per farvi comprendere l’importanza dell’esportazione in Russia di questo genere di birra vi diamo un dato. Solo dalla città di Burton (di cui parleremo meglio nell’articolo sulle Indian Pale Ale) partirono nel 1750 per la Russia 740 barili di Porter Stout, nel 1775 ne partirono 11.025!!!!!!! Caterina II era molto ghiotta di Imperial Stout!!!!!!!!

Imperial stout trappista

La stout non è propriamente parte della tradizione brassicola trappista, ma negli ultimi anni si sono moltiplicati i birrifici dell’ordine cistercense e per forza di cose anche la commerciabilità dei prodotti vuole la sua parte (non che i trappisti abbiano bisogno di particolari astuzie di marketing per vendere). Negli ultimi tempi in effetti le stout sono tornate di moda, grazie al moltiplicarsi dei microbirrifici che cercano di interpretare questo stile. Così succede che anche il birrificio trappista Spencer, made in USA ha brassato la sua prima stout.

Acquista qui la tua Imperial Trappist Stout 

Accedi al nostro store bottegadelmonastero.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cancel

Necessari

I cookie necessari sono i cookie tecnici cioè quelli il cui utilizzo non richiede il consenso dell’utente.

Questi cookie sono essenziali per consentire di navigare in un sito web e utilizzarne tutte le funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, un sito web non potrebbe fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere. Un cookie di questo tipo viene inoltre utilizzato per memorizzare la decisione di un utente sull’utilizzo di cookie sul sito web.

I cookie tecnici sono essenziali e non possono essere disabilitati utilizzando questa funzionalità.
In generale comunque i cookie possono essere disattivati completamente nel proprio browser in qualsiasi istante.

Chiudi

Cancel

Statistiche

I cookie statistici vengono utilizzati per monitorare le performances del sito, per esempio per conoscere il numero di pagine visitate o il numero di utenti che hanno visualizzato una determinata sezione.

I cookie statistici utilizzati dal nostro sito si avvalgono di servizio di Google Analytics.

L’analisi di questi cookie genera dati statistici anonimi e aggregati senza riferimento alcuno all’identità dei navigatori del sito. Sono utili anche per valutare eventuali modifiche e miglioramenti da apportare al sito stesso.

Chiudi

Cancel

Targeting

I cookie di targeting sono cookie impostati da terze parti come YouTube, Facebook, Twitter.

Questi cookie tengono traccia del tuo comportamento come la riproduzione di video o quali tweet hai già visualizzato.

Se non viene dato il consenso a questi cookie, non sarà possibile guardare i video su questo sito web o utilizzare la funzionalità di condivisione sui social.

Questi cookie possono essere utilizzati dal fornitore di cookie per creare un profilo dei tuoi interessi e mostrarti pubblicità pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma si basano sull'identificazione univoca del browser e del dispositivo Internet.

Chiudi